E' sempre interessante quando un outsider di prestigio, un professore, uno studioso, si cimenta con il mondo dei videogiochi. Del resto, uno dei migliori saggi sul tema, relativamente alle avventure testuali, lo ha scritto uno psicologo, Roger Giner Sorolla: Crimes Against Mimesis

Ora, su Internazionale, la rivista che traduce e ripubblica articoli della stampa estera, ho trovato questo saggio che, pur non parlando di avventure, è piuttosto interessante, soprattutto per il concetto di "videogiochi invisibili": leggetelo