Ed eccoci a una avventura testuale vecchio stampo con il parser. In Dancing With Fear impersoniamo Salomé Velez, una vedette degli anni Cinquanta che diventa una spia in nome della rivoluzione.

La storia si svolge tra gli anni Quaranta e Cinquanta nei Caraibi colonizzati dagli europei, in una atmosfera che unisce magia a inquietudine per le tensioni sociali. Si percepisce che l’autore, Victor Ojuel, uno scrittore e game designer spagnolo trapiantato in Inghilterra, ha ambizioni da sceneggiatore: il gioco è costruito a blocchi di scene, di volta in volta bisogna risolvere una situazione per procedere. La storia è interessante e gli enigmi, piuttosto semplici (e vecchio stile), aiutano a seguirla bene. È chiaro che l’autore ha fatto ricerche sull’epoca e il suo lavoro è apprezzabile,

La scrittura è buona, i dialoghi sono ben scritti, anche se a volte risultano un po’ prevedibili e troppo lunghi. Forse sarebbe stato meglio asciugarli e renderli più brillanti. In certi casi, per proseguire, bisogna parlare più volte di seguito con la stessa persona: non bastava una?

In compenso, sarebbe servito qualche dettaglio in più nelle descrizioni, che in certi casi sembrano troppo generiche. Esempio:

Library
The walls are covered with bookcases and fine paintings. A magnificent pool table occupies the centre of the room, and there is a modern record player on a side table.
Tutto molto generico: “bookcases”, “fine paintings”, “modern record player”.
La descrizione di Salomé, invece, è buona (Ojuel descrive meglio i personaggi piuttosto che i luoghi e le cose):
Ay caramba, if it isn’t Salomé Vélez, “la diosa de la selva”! The vanished great ex-vedette of the Enjoyado Club, in her latest comeback as not-that-great third-line corista at the Casino del Ritmo! Some would say you’re a bit faded, but that’s just bitter ex-lovers. Or yourself, on a bad day.

La sceneggiatura a volte zoppica.

SPOILER
Nella scena della sala da ballo, dopo che Claudio viene arrestato, è improbabile che non sospettino anche Salomé, che è arrivata con lui. E poi, perché la storia esige che torni in macchina prima di cercare la cassaforte? Non c’è un buon motivo per questo: dal punto di vista di Salomé, Claudio doveva avere tutto il necessario per cercare la cassaforte, a meno che non sia un totale sprovveduto, e quindi lei non dovrebbe avere bisogno di nulla per completare la missione (invece il gioco dice “vediamo se Claudio ha lasciato qualcosa in auto per te”).
FINE SPOILER

C’è poi qualche difetto di programmazione.

SPOILER
Quando la compagna di cella ci chiede il “segnale segreto”, è chiarissimo quel che dobbiamo fare, ma è difficile farlo capire al gioco e incappiamo in un vetusto guess-the-verb.
Se Salomé va a cambiarsi in camerino e torna al tavolo, nessuno si accorge che ha un altro abito, nessuno le fa un complimento, il che è molto improbabile.
FINE SPOILER

Tutto sommato, comunque, il gioco mi è piaciuto.

 ——————————————————–

Here’s an old-fashioned text adventure with parser. In Dancing With Fear we are Salomé Velez, a vedette in the Fifties that becomes a spy for the sake of revolution.

It takes place between the 1940s and 1960s in the Caribbean, colonized by Europeans, in an atmosphere mixing magic and anxiety for social tensions. The author, Victor Ojuel, a Spanish writer and game designer living in England, has screenwriting talents: the game is built into blocks of scenes, every time it is necessary to solve a situation to proceed. The story is interesting and the puzzles, rather simple (and old-fashioned), help to follow it well. It is clear that the author has been researching the history and his work is appreciable,

The writing is good, dialogues are well written, though sometimes they are a bit on-the-nose, verbose. Ojuel has the skills to improve them and make them more brilliant and terse. In some cases, to advance in the story, you have to talk to the same person several times in succession: just one was not enough?

On the other hand, it would have served some more details in the descriptions, which in some cases are too generic. Example:

Library
The walls are covered with bookcases and fine paintings. A magnificent pool table occupies the centre of the room, and there is a modern record player on a side table.
The description of Salomé, instead, is good (Ojuel describes the characters better rather than things and places)
Ay caramba, if it isn’t Salomé Vélez, “la diosa de la selva”! The vanished great ex-vedette of the Enjoyado Club, in her latest comeback as not-that-great third-line corista at the Casino del Ritmo! Some would say you’re a bit faded, but that’s just bitter ex-lovers. Or yourself, on a bad day.

The script, sometimes, has problems.

SPOILER
In the ballroom scene, after Claudio is arrested, it’s unlikely that nobody suspects Salomé, who came there with him. And then, why does the story require you to reach the car before looking for the safe? There is no good reason for that: from Salomé’s point of view, Claudio must have everything he needed to look for the safe, unless he’s a total fool, so she should not need anything to complete the mission (yet, the game says, “Let’s see if Claudio left something in the car for you”).
END SPOILER

Some programming flaws…

SPOILER
When the cellmate asks for the “secret signal”, it is very clear what we have to do, but it is difficult to tell it to the game. So, we smash against a very old-fashioned “guess-the-verb” situation.
If Salomé goes to her dressing room and returns to the table, no one realizes that she has another dress, no one makes a compliment, which is very unlikely.
END SPOILER

All in all, however,  I liked this game.